Recensione: “Blu” di Giorgia Tribuiani


Sinossi:

Ginevra, per tutti Blu fin da bambina, ha diciassette anni, frequenta il liceo artistico ed è una ragazza solitaria intrappolata in un mondo tutto suo fatto di rituali ossessivi e gesti scaramantici. I suoi genitori sono divorziati e Blu vive con la madre, una donna che lavora molto ed è spesso fuori casa. Blu ha un fidanzato, che non riesce a lasciare perché divorata dai sensi di colpa, un ragazzo che vorrebbe amare e di cui, invece, sopporta appena la presenza. L’unica cosa che ama davvero è l’arte, e disegnare risulta un’attività in cui dimostra di avere talento. Così, quando durante una gita scolastica assiste a un’esibizione di performance art, resta folgorata da quel modo di esprimere l’atto creativo e dall’artista stessa, fino a sviluppare per lei una vera e propria ossessione. A questo punto, i pensieri maniacali si fanno via via più opprimenti, finché la sua determinazione a essere una brava ragazza la porta a vivere uno sdoppiamento della personalità subdolo e pericoloso.
Un romanzo forte e diverso che ci trascina nella mente claustrofobica di un’adolescente, prigioniera di azioni morbose e incomprensibili manie, sino a svelarne il delirante meccanismo.
Il ritmo serrato, imprevedibile, e la densità della scrittura rendono in modo perfetto il tormento psicologico della protagonista e l’incessante lotta interiore per sconfiggere il suo doppio.
Un libro che conferma il grande talento di Giorgia Tribuiani, autrice nuova e originale, capace di immedesimarsi e rendere appieno l’essenza e il tormento dei suoi personaggi.


Recensione:

Ginevra, detta Blu, è una ragazza di diciassette anni. Ha una passione per l’arte, un ragazzo che la ama e dei genitori che le vogliono bene, nonostante il divorzio.
La vita di Ginevra è apparentemente perfetta, sembra quasi incarnare lo stereotipo di un adolescente modello. Ma, appunto, solo apparentemente.

Nessuno sa che in realtà la mente di Ginevrablù è sporca, confusa, delirante. Nessuno sa che le sue paure, i sensi di colpa e le ossessioni cercano di soffocarla appena abbassa la guardia. Perché Blu è affetta da DOC. Ha paura. Ha il terrore di fare del male perché è attratta dal dolore degli altri. Lei in quel dolore ci si vuole insinuare per dare conforto, per farsi amare. E allora Blu in qualche modo deve punirsi, deve rifugiarsi nei suoi rituali ossessivi, nelle sue manie, nei soli gesti che riescono a calmarla.

“Guardi la mano destra, e mentre osservi le (feritoie) ferite, ti viene in mente una frase di Picasso – Quando non ho più Blu metto del rosso – e anche che Ginevra è rinata, e che pure non ci tornerai mai più”

Ed è attraverso questo suo profondo tormento psicologico che Giorgia Tribuiani snocciola le tematiche del libro: ci inabissa nella mente claustrofobica di Blu, i suoi pensieri ci arrivano diretti come un treno in corsa; le sue ansie si attaccano alla nostra pelle, ci fanno sentire inadeguati, diventano un’agonia.

Lo stile di Giorgia è un fiume in piena: delirante, non dà il tempo di respirare, di metabolizzare. La sua scrittura non ha un freno, è un flusso di coscienza continuo, quasi un grido, uno sfogo, una richiesta di aiuto di un’adolescente condizionata dal peso dei suoi sensi di colpa.

“Niente, hai in mano due crosticine sterili, la destra e la sinistra e nessun centro, nessun inizio, nessuna salvezza per te, Blu. Blu, tu sei Blu, e devi essere punita.”

Blu” non è un romanzo per tutti perché richiede attenzione e anche una buona dose di empatia. È una storia di disturbi ossessivi-compulsivi, di sdoppiamento d’identità, di solitudine, di lotta interiore e di fragilità. È un romanzo feroce, che non si preoccupa di osare anche quando diventa troppo cupo e disturbante. Però Blu merita una possibilità di essere conosciuta, ha bisogno di essere ascoltata. La sua storia non può lasciarvi indifferenti.


Declaimer: ringrazio la casa editrice Fazi Editore per avermi omaggiato la copia.


La mia valutazione:

Classificazione: 5 su 5.

Piccole informazioni sul libro e sull’autore:

Autore: Blu
Titolo: Giorgia Tribuiani
Collana: Le strade
Numero Collana: 464
Pagine: 256
Codice isbn: 9788893258036
Prezzo in libreria: 16
Codice isbn Epub: 9791259670199
Prezzo E-Book: 9.99
Data Pubblicazione: 25-03-2021


Giorgia Tribuiani:

È nata ad Alba Adriatica ma vive a Bologna. Dopo la laurea in Editoria e giornalismo e un master in Marketing e comunicazione, ha collaborato con testate giornalistiche e agenzie di stampa e curato la comunicazione online per alcune multinazionali. Attualmente lavora come docente di Scrittura creativa presso la Bottega di narrazione, il Penelope Story Lab e la Side Academy. Ha esordito nel 2018 con il romanzo Guasti, edito da Voland.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.