REVIEW PARTY: “Alice, Dorothy & Wendy” di Lewis Carroll, Lyman Frank Baum, James Matthew Barrie


Ciao lettori e benvenuti ad un nuovo Review Party, organizzato da “Sabrina nel paese delle meraviglie“, che ringrazio di cuore.

Il libro di cui ho il piacere di parlarvi oggi è “Alice, Dorothy & Wendy“, una nuova uscita targata Oscar Vault.
Come avrete già intuito dal titolo, il romanzo racchiude “Alice nel paese delle meraviglie” e “Attraverso lo specchio“, “Il meraviglioso mago di Oz“, “Peter Pan nei giardini di Kensington” e “Peter e Wendy“, rispettivamente le fiabe di Lewis Carroll, L. Frank Baum e James Matthew Barrie, arricchite da preziose illustrazioni.

Ma cosa avranno mai in comune queste tre storie?
Prima di passare alla mia tappa del Review Party, mi piacerebbe discutere con voi delle varie somiglianze tra le letture.
Ciò che mi preme specificare è che in tutte e tre le storie possiamo leggere di persone coraggiose e tenaci che affrontano la sorte con determinazione. Queste figure speciali non sono altro che piccole donne, bambine che danno il via a sfide e avventure mozzafiato, che si gettano a capofitto in un nuovo mondo, quasi perfetto ai loro occhi, senza preoccuparsi delle conseguenze, ma decise a ritrovare la via di casa.
Un’altra delle affinità più importanti, inoltre, è, senza dubbi, l’avere a che fare con storie senza tempo e senza età, adatte a qualsiasi pubblico e dalle quali poter apprendere qualcosa, in continuazione.




Sinossi:

Alice e le sue avventure nel favoloso Paese delle Meraviglie, di là e di qua dallo specchio. Wendy, l’amica di Peter Pan che per molti lettori è la vera eroina dei romanzi con il bambino che non vuole crescere. Infine Dorothy, la piccola protagonista portata da un tornado nel fantastico mondo di Oz. Tre ragazzine curiose e audaci, al centro di tre grandi classici che, ciascuno a suo modo, hanno saputo celare sotto le spoglie del racconto di fantasia messaggi e metafore della vita. Questo libro è l’occasione per rileggere i tre romanzi – Le avventure di Alice nel Paese delle MeravigliePeter Pan e Il Mago di Oz -, cogliendone la grande modernità.

Recensione:

Sulle prime la Strega ebbe la tentazione di fuggire lontano da Dorothy; ma per caso guardò la bambina negli occhi, e nel profondo vide quanto era semplice la sua anima e come la bambina non si rendesse conto del fantastico potere che le veniva dalle scarpe d’argento.

Tra le fiabe che più ho adorato da bambina e che adoro ancora oggi c’è sicuramente “Il meraviglioso mago di Oz” di L. Frank Baum.
Dorothy, per chi non la conoscesse, è un’orfana che vive nel Kansas, nella fattoria dei suoi zii e il cane Toto. Un giorno come gli altri, Dorothy e il suo cagnolino si ritrovano trasportati in volo da un ciclone improvviso insieme alla umile casa, e quando, dopo un giorno e una notte, quest’ultima atterra, si accorgono di essere giunti in paese popolato da bizzarri personaggi, i Munchkin.


Senza perdersi d’animo, Dorothy inizia subito a conquistare la loro fiducia e la loro gratitudine: sembra proprio che, durante la caduta, la casa abbia schiacciato la malvagia strega dell’ Est. Ben presto, però, la bambina scopre che, a malincuore, nessuno, a parte il temibile mago di Oz, può aiutarla a tornare a casa.
È così che ha inizio, non facile e privo di ostacoli, il lungo viaggio di Dorothy in compagnia di simpatici amici pronti a darle man forte in qualsiasi situazione e desiderosi di chiedere anche loro qualcosa al mago.

– E che mi dici del mio coraggio? – intervenne il Leone.
– Sono certo che ne hai da vendere, – replicò Oz.  – Ti serve solo un po’ di fiducia in te stesso. Non esiste creatura vivente che non abbia paura di fronte al pericolo; il vero coraggio sta proprio nell’affrontarlo pur essendone spaventato, e di questo genere di coraggio ne hai in abbondanza.

Chi, da piccolo, non ha mai battuto i tacchi delle scarpe per tre volte?
Il meraviglioso mago di Oz” è un classico intramontabile della letteratura per ragazzi. La bellezza di questa storia sta proprio nella sua semplicità: apparentemente è una fiaba pensata per i più piccini, ma se ci facciamo spazio tra le parole, se scaviamo tra esse, i messaggi che contengono sono evidenti. E, si sa, i libri per bambini nascondono sempre delle perle preziose.

All’interno della sua opera, Frank Baum racchiude luoghi e personaggi che hanno un’anima, la si può percepire nitidamente: i loro pensieri, le loro scelte e le loro preoccupazioni ci appaiono reali, restiamo sorpresi dalla loro consistenza perché potremmo tranquillamente farle nostre.

Più che un percorso tra la fantasia, il cammino intrapreso da Dorothy e i suoi amici è un vero e proprio viaggio interiore, fatto di moralità e lezioni di vita.
Il messaggio di Baum è chiaro: le esperienze e le difficoltà aiutano a crescere, ed è solo avendo fiducia in sé stessi che si riesce a trovare il coraggio e la forza per superarle. Bisogna saper dare il giusto valore alle cose, anche se il posto in cui viviamo ci appare grigio e brutto; “casa” è dove sono le persone che amiamo, non importa se il mondo di fuori è molto più colorato. Ci basta essere felici con loro.

Penso che “Il meraviglioso mondo di Oz” sia una lettura perfetta per dei lettori in tenera età, ma una rilettura a distanza di tempo aiuterebbe sicuramente a cogliere pienamente l’essenza di questa storia e le sue mille sfumature.


Declaimer: ringrazio la casa editrice Mondadori per avermi omaggiato la copia digitale.


La mia valutazione:

Classificazione: 3 su 5.

Piccole informazioni sul libro e sull’autore:

Lingua: Italiano
Pagine: 540
Anno: 17/11/2020
ISBN: 9788804723493
Editore: Mondadori
Collana: Oscar Draghi
Formato: Rilegato
Prezzo di copertina: 25,00 euro


Lewis Carroll:

Daresbury, Inghilterra, 1832 – Guildford, Inghilterra, 1898. Docente di matematica a Oxford, appassionato di fotografia, logica e crittografia, è noto per i romanzi Le avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie (1865) e Attraverso lo specchio e quel che Alice vi trovò (1871).

James Matthew Barrie:

Kirriemuir, Scozia, 1860 – Londra 1937. Proveniente da una famiglia umile, ottenne fama e fortuna come drammaturgo e soprattutto con i romanzi di Peter Pan, tanto da ricevere il titolo di baronetto.

Lyman Frank Baum:

Lyman Frank Baum, generalmente abbreviato in L. Frank Baum, è stato uno scrittore e produttore cinematografico statunitense. A Baum si deve il celebre romanzo della letteratura per bambini Il meraviglioso mago di Oz.

2 Replies to “REVIEW PARTY: “Alice, Dorothy & Wendy” di Lewis Carroll, Lyman Frank Baum, James Matthew Barrie”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.