REVIEW PARTY: “Tenebre e ossa. GrishaVerse” di Leigh Bardugo


Salve lettori e ben arrivati alla terza tappa del Review Party di “Tenebre e ossa. GrishaVerse” di Leigh Bardugo, organizzato da Un libro e una tazza di tè.
Nel calendario trovate le date delle recensioni delle altre colleghe. Come sempre, mettervi comodi e godetevi la lettura.
Pronti?!



Sinossi:

“Il dolore e la paura mi vinsero. Urlai. La parte nascosta dentro di me risalì con impeto in superficie. Non riuscii a fermarmi. Il mondo esplose in una sfolgorante luce bianca. Il buio si infranse intorno a noi come vetro”.

L’orfana Alina Starkov non ha grandi ambizioni nella vita, le basterebbe fare al meglio il suo lavoro di apprendista cartografa nell’esercito di Ravka, un tempo nazione potente e ora regno circondato dai nemici, e poter stare accanto al suo buon amico Mal, il ragazzo con cui è cresciuta e di cui è innamorata da molto tempo. Ma il destino ha in serbo ben altro per lei. Quando il loro reggimento attraversa la Faglia d’Ombra, la striscia di oscurità quasi impenetrabile che taglia letteralmente in due il regno di Ravka, lei e i suoi compagni vengono attaccati dagli esseri spaventosi e affamati che lì dimorano. E proprio nel momento in cui Alina si lancia in soccorso dell’amico Mal ferito gravemente, in lei si risveglia un potere enorme, come una luce improvvisa e intensa in grado di riempirle la testa, accecarla e sommergerla completamente. Subito viene arruolata dai Grisha, l’élite di creature magiche che, al comando dell’Oscuro, l’uomo più potente di Ravka dopo il re, manovra l’intera corte. Alina, infatti, è l’unica tra loro in grado di evocare una forza talmente potente da distruggere la Faglia e riunire di nuovo il regno, dilaniato dalla guerra, riportandovi finalmente pace e prosperità. Ma al sontuoso palazzo dove viene condotta per affinare il suo potere, niente è ciò che sembra e Alina si ritroverà presto ad affrontare sia le ombre che minacciano il regno, sia quelle che insidiano il suo cuore.

Da questo romanzo la serie Netflix di prossima uscita.

Recensione:

Tenebre e Ossa“, o comunemente conosciuto come “Shadow and bone“, è il primo volume della trilogia Grisha di Leigh Bardugo, autrice che in molti già conoscono per la serie spin-off “Sei di corvi“, ambientata nello stesso universo.

“Il bambino e la bambina si guardarono e gli adulti, che non stavano prestando molta attenzione, non videro la bambina allungare la mano per stringere quella del bambino, né videro l’occhiata che si scambiarono.”


In un mondo dove la magia viene considerata manipolazione della materia ai livelli più elementari, è solo chi è in grado di farlo ad avere un ruolo di rilievo all’interno della società.
È sulla base di questa premessa che seguiamo la storia di Alina Starkov, una mappatrice che presta servizio nella Seconda Armata della nazione, Ravka.

Alina è un’orfana, cresciuta nella casa di un conte benefattore che funge da orfanotrofio per le vittime della guerra. Alina si sente sola fino a quando non arriva Mal, un ragazzino che diventerà suo compagno di giochi e il suo migliore amico.
Inseparabili fin dal primo momento, adesso lavorano entrambi per l’esercito e stanno per affrontare una delle spedizioni più pericolose di sempre: attraversate la Faglia, un enorme distesa di sabbia e oscurità, per raggiungere l’altra sponda della nazione.

Il pericolo è imminente: la Faglia è popolata da terrificanti mostri volanti, i volchra, e, quando uno di loro sta per abbattersi su Mal, in Alina si risveglia qualcosa; un potere enorme che non passa inosservato dall’ Oscuro, capo dei Grisha capace di manipolare l’oscurità, convinto che Alina sia l’unica possibilità per distruggere definitivamente l’enorme massa oscura che mette in ginocchio l’intero regno da anni.

Per un momento sembrò quasi vero. Il mondo era quel gradino su cui eravamo seduti, il cerchio di luce proiettato dalla lanterna e noi due sospesi nel buio.

Ammetto che questo è il mio primo approccio con questa autrice e posso affermare di essere molto soddisfatta. Seppur pensata per un pubblico giovane, questo primo volume mi ha conquistata sotto ogni punto di vista.
Ma procediamo con calma…

La serie ha un inizio logicamente descrittivo (siamo di fronte ad un mondo nuovo e dobbiamo capire un attimo chi siamo, dove siamo e cosa c’è intorno a noi), ma non per questo risulta pesante. Al contrario, la storia prosegue in un crescendo di tensione.
È stato proprio questo particolare a farmi restare con il fiato sospeso e a farmi divorare pagine su pagine in poco più di qualche giorno.

La narrazione è molto dinamica, lo stile di Leigh Bardugo è pulito e incalzante, ma mai infantile. Inoltre, a fare da cornice agli eventi troviamo un world building molto interessante che richiama uno scenario particolare e decisamente differente dalle solite ambientazioni: la nazione in cui sono ambientate le vicende, i palazzi, i monumenti, gli abiti e la terminologia ricordano molto la Russia zarista.

In “Tenebre e Ossa” un ruolo fondamentale lo giocano anche i personaggi, che io ho trovato estremamente autentici e anche un po’ misteriosi. Ho apprezzato il fatto che l’autrice abbia dato ad ognuno di loro uno scopo, un’utilità precisa e una personalità imprevedibile.
Alcuni mi hanno sorpresa, altri invece mi hanno ingannata abilmente. C’è perfino qualcuno che ha fatto strage di cuori, me compresa (coff coff, cosa mai c’entrerà il colore nero?). Ognuno di loro si è guadagnato un posto speciale nel mio cuore e sono proprio curiosa di scoprire come evolveranno nei prossimi libri.

Io non ero nessuno, ero una rifugiata di un villaggio senza nome, una ragazza ossuta e sgraziata che sfrecciava sola e fuori controllo in un’oscurità sempre più fitta. Ma quando l’ Oscuro aveva stretto le dita intorno al mio polso, mi ero sentita diversa, qualcosa di più.”

In questo romanzo ci sono palazzi sfarzosi, c’è corruzione, c’è magia. Qualche volta c’è del tenero a riscaldare gli animi e c’è anche abbastanza mistero da far rabbrividire, ma “Tenebre e Ossa” è anche violenza e scene non proprio adatte ai più piccini. È stato proprio questo mix di elementi che mi ha fatto letteralmente impazzire.
Avete ancora dubbi su quanto mi sia piaciuto questo primo volume? Ora spero solamente che la casa editrice non ci faccia aspettare molto per leggere gli altri due.


Declaimer: ringrazio la casa editrice Mondadori per avermi omaggiato la copia digitale.


La mia valutazione:

Classificazione: 4 su 5.

Piccole informazioni sul libro e sull’autrice:

Autore: Leigh Bardugo
Lingua: Italiano
Pagine: 240
Anno: 2020
ISBN: 9788804717997
Editore: Mondadori
Collana: Fantastica
Formato: Rilegato
Prezzo di copertina: 17,90 euro


Leigh Bardugo:

Leigh Bardugo è una scrittrice americana di romanzi fantasy young adult, famosa in tutto il mondo per le sue serie ambientate nel GrishaVerse. Nata a Gerusalemme ma cresciuta a Los Angeles, si è laureata a Yale e ha lavorato in pubblicità e come giornalista. Per Mondadori ha pubblicato, tra gli altri, GrishaVerse. Sei di Corvi (2019), GrishaVerse. Il regno corrotto (2019). 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.