Recensione: “La libertà possibile” di Margaret Wilkerson Sexton


Sinossi:

1944, New Orleans. Evelyn proviene da una delle più rispettate famiglie della città e quando si innamora di Renard, un ragazzo qualsiasi, senza soldi e dal futuro incerto, in casa scoppiano le tensioni. Le riserve della famiglia di lei e la decisione di lui di partire per la guerra come volontario metteranno alla prova la relazione tra i due.
Negli anni Ottanta, la figlia di Evelyn, Jackie, è una madre single: il marito Terry è andato via di casa nel tentativo di combattere la sua tossicodipendenza, lasciando soli lei e il figlio T.C. L’inaspettato ritorno dell’uomo sconvolge la ritrovata normalità di Jackie, la quale è lacerata dall’idea di dargli un’altra opportunità.
Nel 2010, in una New Orleans che porta ancora i segni dell’uragano Katrina, il venticinquenne T.C. è appena uscito di prigione quando il suo amico Tiger gli propone un “grande affare”. L’arrivo di un figlio sconvolgerà i piani del ragazzo, ma non il giro di eventi che ormai si è innescato.
Tre generazioni, tre destini e tre epoche a confronto: La libertà possibile racconta la faticosa conquista della libertà da parte dei membri di una famiglia di colore, oltre i pregiudizi sociali e le aspettative dei familiari, fra sogni infranti e porte che invece si aprono.
Con una scrittura incisiva e ricca di sfumature, che le è valsa la nomina al National Book Award 2017, Margaret Wilkerson Sexton costruisce un romanzo d’esordio in cui la brillante analisi sociale e la raffinata descrizione dei sentimenti umani sfiorano l’esattezza fotografica.


Recensione:

Succedeva una cosa quando mettevi piede fuori dal cancello del carcere: la Libertà e la sua immensità ti convincevano di poter durare in eterno.

New Orleans, 1944. La storia di tre famiglie americane di colore si sviluppa sullo sfondo di un’America intrisa di pregiudizi razziali.

La libertà possibile” è un viaggio attraverso epoche differenti che vede protagonisti i membri di una stessa famiglia: Evelyn, sua figlia Jackie e suo tipote T.C.


Tre racconti, tre storie, tre vite accomunate dalla speranza, dalla ricerca di una possibile libertà costantemente limitata dal loro status sociale, dalla mancanza di rispetto e dall’ineguaglianza.

– Mi dispiace mamma. Avevi ragione tu. Mi dispiace
– Sta zitta ragazza mia. C’è una preziosa vita, lì dentro. Una preziosa, preziosissima vita. E Dio ha deciso che eri degna di portarla dentro.


Margaret Wilkerson Sexton esordisce con un romanzo notevole e intenso, nel quale alterna abilmente passato e presente.
Gli eventi narrati da Margaret sono crudi e fedeli al tempo in cui si svolgono: la seconda guerra mondiale.

La sua è una penna sapiente, attenta alle descrizioni e sorprendentemente dinamica; una scrittura che permette di immergersi appieno nelle vite dei protagonisti, arrivando perfino a compatirli.

«Jackie non condannava Terry per averla lasciata; più che altro aveva paura di ricevere una telefonata una mattina e scoprire che lo avevano arrestato durante una retata in un covo di spacciatori di crack, oppure in giro, a rubare per pagarsi la dose. Non era un ladro, neanche per sogno, ma Jackie aveva imparato a proprie spese che la vita può costringerti all’infamia.>>

In “La libertà possibile“, Margaret Wilkerson Sexton getta luce sulla condizione degli afroamericani nella società attuale, su problemi sociali come dipendenza da droghe, razzismo e ineguaglianza sociale.


E’ un romanzo che spinge a riflettere sulle conseguenze che derivano dalle nostre azioni, parla ai lettori e li induce a riflessioni profonde ma, sopratutto, ci fa ben sperare in un possibile superamento della cattiveria e dell’ignoranza.


Declaimer: ringrazio la casa editrice Fazi Editore per avermi omaggiato la copia.


La mia valutazione:


Piccole informazioni sul libro e sull’autore:

Autore: Margaret Wilkerson Sexton
Titolo: La libertà possibile
Collana: Le strade
Numero Collana: 407
Pagine: 310
Codice isbn: 9788893253987
Prezzo in libreria: € 17
Codice isbn Epub: 9788893256582
Prezzo E-Book: € 12.99
Data Pubblicazione: 10-10-2019


Margaret Wilkerson Sexton:

Margaret Wilkerson Sexton

Nata e cresciuta a New Orleans, ha studiato Scrittura creativa al Dartmouth College e Legge all’Università della California, Berkeley. Alcuni suoi racconti sono stati pubblicati su «The New York Times Book Review». Il suo romanzo d’esordio, La libertà possibile, molto apprezzato dalla critica, è stato finalista al National Book Award 2017 ed è stato incluso nella lista dei migliori libri dell’anno da tutte le testate più autorevoli.

One Reply to “Recensione: “La libertà possibile” di Margaret Wilkerson Sexton”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.