Recensione: “Formule mortali” di François Morlupi

Sinossi:

In una torrida estate romana un passante scopre il cadavere di un uomo atrocemente torturato e mutilato. Sul terreno insanguinato gli arti amputati disegnano una celebre formula fisica. È il primo di una serie di omicidi rituali che coinvolgono vittime senza alcun legame apparente. A tentare di risolvere il caso è chiamato il commissario Ansaldi, professionista integerrimo ma tormentato dall’ansia e dagli attacchi di panico. Ad accompagnarlo in questa avventura verso il male, il vice ispettore Loy, una ragazza con un forte disturbo antisociale di personalità, e altri tre membri del commissariato di Monteverde. Tenteranno insieme di venire a capo di quello che ormai i media hanno battezzato come “il caso delle formule mortali”, un’indagine dopo la quale nessuno dei protagonisti sarà più lo stesso.

Recensione:

<<Come riuscire ad andare avanti malgrado il vivere quotidianamente con la malvagità dell’essere umano? Come avere speranza nel futuro quando il presente ogni giorno peggiorava?>>

In un’ordinaria giornata di Agosto, sotto il sole di una Roma torrida, nella centrale di polizia di Monteverde la routine del commissario Ansaldi e della sua squadra viene spezzata dalla notizia di un omicidio: il primo di una lunga serie.

Ciò che l’intera squadra ha davanti agli occhi però, è qualcosa al di fuori della normalità: un cadavere incessantemente torturato e, successivamente, mutilato.

Soltanto quando scoprono la formula fisica realizzata con gli arti della povera vittima, si accorgono che hanno di fronte a loro una lunga e interminabile caccia a un ignoto serial killer e che, inoltre, saranno costretti ad affrontare omicidi rituali che lasceranno col fiato sospeso per l’enigma che nascondono.
Ha luogo così una struggente ricerca al carnefice, la quale risulterà molto artificiosa e ingarbugliata.

<<Non sarebbero stati più gli stessi, inevitabilmente le ferite si sarebbero certo rimarginate, ma guarire, quello mai.>>

Attraverso il punto di vista e i pensieri di ogni membro effettivo della squadra di polizia, l’autore, François Morlupi, ci accompagna e ci immerge in un’avventura ricca di adrenalina e colma di suspense.
Inoltre, Formule mortali non è solamente un semplice thriller in quanto ha di fondo una storia che resta nel cuore dei lettori.

Di fatti, all’ interno delle pagine, troviamo delle vicende ben articolate e ricche di valori che impariamo a conoscere grazie ai protagonisti principali e alla intima conoscenza della loro personalità.
Importanti al fine sono, inoltre, anche i legami di solida amicizia che si vengono a creare tra di loro, portando il lettore ad entrare in empatia con essi e ad amarli tutti senza eccezioni, personaggi secondari compresi.

Formule mortali è un thriller dalla scrittura fluida, che arriva dritta al punto e con una leggera nota macabra e cruenta nella descrizione degli omicidi.
Le numerose avversità rubano piacevolmente la scena alla narrazione ma, in compenso, riescono a tenere il lettore sulle spine fino alla fine della storia.

Il romanzo possiede una trama originale, la quale ci mette davanti a delle realtà scomode e apre le porte a importanti interrogativi.
Infatti, l’autore ci invita a riflettere sull’importanza della scienza e sulle soluzioni che essa offre. Inoltre, mentre seguiamo le vicende odierne dei protagonisti principali, allo stesso tempo, veniamo catapultati in una realtà insidiosa che in molti ignorano ma della quale l’ autore ci spiega con accuratezza e fluidità: il deep web.

E’ proprio in quella parte di mondo, perlopiù segreto agli occhi degli individui, dove le persone sono senza scrupoli e tutto è lecito, che Ansaldi e la sua squadra ripercorrono a ritroso le orme dell’assassino.

Una lotta esasperante ma durante la quale i nostri protagonisti non perdono minimamente la ragione e mantengono costante, seppur con difficoltà, la loro umanità.

Formule mortali è un libro di cui ne consiglio la lettura perché nonostante i suoi contenuti, che possono apparire crudi e agghiaccianti, conserva vivida nei lettori una grande speranza.
E’ un romanzo da godere poco a poco se si ricerca una storia angosciante e appassionante, la quale riserva un finale col botto.

La mia valutazione:

Piccole informazioni sul libro e sull’autore:

Titolo: Formule Mortali
Autore: François Morlupi
Editore: Edizioni Croce
Pagine: 320
Genere: Thriller
Anno di pubblicazione: 2018
In vendita qui: Amazon

François Morlupi (Roma, 1983), italo-francese, lavora in ambito informatico in una scuola francese di Roma e gestisce la pagina Facebook del suo romanzo. Grande appassionato di gialli in generale, e in particolare di quelli scandinavi, di storia contemporanea e di film coreani. Formule Mortali, il suo esordio letterario, è un noir ambientato nei luoghi e fra la gente della Roma che frequenta quotidianamente. Con il suo romanzo, inoltre, lo scrittore ha vinto il premio come miglior noir giallo dell’anno ad uno dei festival più importanti del centro sud.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.