Recensione: “Oltre” di Giorgia Cozza

Trama:

Vaol è sveglia, ma crede ancora che si tratti di un sogno. Si trova nella sua città, ma non la riconosce. Palazzi, negozi, parchi, alcuni sono dove devono essere altri no, non ci sono più. Vaol sta ancora aspettando di svegliarsi, quando compare lui. Il ragazzo più bello che lei abbia mai visto e che le spiega tutto: Vaol è morta. A diciannove anni è finita in una sorta di limbo, in un mondo sospeso tra la vita e la morte. Una seconda opportunità, un altro poco di storia dopo la parola fine, per chi muore troppo giovane o con qualcosa in sospeso. Potrebbe essere un dono, se non fosse che quelli come Vaol, gli ultimi arrivati, sono costretti a vivere in un ghetto e lavorare come schiavi, privati di ogni diritto dai Primi, gli oligarchi che sono al governo. Quando Vaol scopre che suo padre, morto due anni prima in un incidente, si trova nel limbo ed è a capo della Resistenza, entra tra le fila dei ribelli decisa a fare la sua parte per rovesciare la Casta. Così mentre di giorno combatte la sua battaglia contro la dittatura, di notte si innamora di Hans ogni ora, ogni minuto, ogni secondo di più…

Recensione:

La giovane Vaol pensa di trovarsi in un sogno ma si risveglia in una stanza che non le appartiene.
Fuori, le strade e i palazzi sono esattamente al loro posto ma c’è qualcosa che non torna.
Chi è, inoltre, il ragazzo che la fissa dalla porta?

Vaol è morta, è finita nel Limbo: un mondo al confine tra la vita e la morte, e l’unica sua guida è Hans, il ragazzo di cui presto si innamorerà.
Nonostante ciò, la giovane ragazza non si perde d’animo e trova nella morte un motivo per sorridere: rivedere il suo adorato papà.

Ben presto, però, si ritrova ad affrontare una dura realtà: suo padre è un ribelle.
Egli infatti è il capo della Resistenza: un movimento rivoluzionario contro i sette oligarchi del nuovo mondo: i Primi, ossia dei dittatori a tutti gli effetti.

È di certo un mondo che non le appartiene e che fatica ad accettare; dunque un mondo grigio e piatto dove le nuvole, il sole e la pioggia non esistono, e tristemente ricco di ingiustizie, di cattiveria e omertà.

Sarà proprio per questo che Vaol deciderà di affiancare suo padre nel progettare una rivoluzione.
Perché, in fondo, una seconda possibilità di vita spetta di diritto a tutti.

“Oltre”, di Giorgia Cozza, è un romanzo young adult e, oserei dire, distopico dai retroscena romantici.
È una storia ricca di sensazioni ed emozioni intense e struggenti – capace di trasportare il lettore in un’altra dimensione durante la lettura – dove fin dalle prime pagine è presente un velo di malinconia.

Le vicende vengono presentate dal punto di vista di Vaol, l’eroina ribelle protagonista del romanzo, e i capitoli sono suddivisi in giorni, ovvero quelli trascorsi nel limbo dalla nostra protagonista.

Vaol è una ragazza molto giovane e determinata – coraggiosa e decisa nelle sue scelte – che non si lascia scoraggiare facilmente.
Allo stesso tempo, è molto fragile perché porta dentro di sé un dolore che la tormenta da tempo causato dalla perdita di suo padre, morto anni prima in un tragico incidente.

<< Decido di sedermi per riposare un po’. Anche se a dire il vero non è che io sia stanca. Ma voglio godermi il ricordo delle mani di mio padre che stringono le mie. E voglio ripassare bene il suo viso. Quindi sì, mi siederò su questa panca dura e penserò al mio papà, a come l’ho visto bene stasera.>>

L’unica sua fonte di sollievo in un mondo a lei sconosciuto è la storia d’amore che vive con il giovane Hans, – un ragazzo gentile e generoso, conosciuto da lei nei ghetti – il quale sarà una risorsa preziosa per il bene della protagonista.
Sarà proprio il loro incontro a spingere Vaol a lottare contro gli Oligarchi, sempre più desiderosa di preservare il suo amore e proteggere le persone che più le stanno a cuore.

Il punto forte del romanzo è la grande capacità descrittiva dell’autrice che rende la storia molto avvincente e commovente.

Sia i personaggi che i luoghi sono descritti in modo estremamente dettagliati e ben caratterizzati da sembrare entrambi estremamente reali.
Leggendo il romanzo si ha come la sensazione di vivere nel Limbo insieme ai personaggi e di non considerarlo un luogo fittizio ma concreto, nel quale puoi provare dolore e percepire ogni sensazione dei protagonisti principali.

La cura e l’attenzione dell’ autrice nel descrivere percezioni e pensieri dei personaggi è affascinante e ammaliante.
Non è facile saper creare, attraverso le parole, una forte empatia con loro e immedesimarsi in essi.

Giorgia Cozza è stata molto abile nel creare una storia ricca di valori e temi importanti – amore, amicizia, morte, speranza – e a intrecciarla saldamente a una storia romantica non troppo scontata.

Tutto ciò rende il romanzo adatto a un pubblico di tutte le età, sopratutto perché il libro presenta una scrittura semplice e limpida, nella quale troviamo dialoghi diretti che rendono la narrazione fluida e mai noiosa.
La voglia di girare pagina dopo pagina è decisamente troppa ma, allo stesso tempo, le emozioni che suscita il libro sono molto struggenti.


<<Faccio un respiro profondo e l’aria trova spazio per passare. Il gelo ha allentato la sua morsa. Non sto più tremando. Ora che sta succedendo, ora che qualcosa che ho sempre temuto è reale, e come se non ci fosse più spazio per il terrore. Forse oltre una certa soglia la paura non può più gridare, forse perde la voce. Si ammutolisce. Come il dolore, che quando è troppo non lo sentì più. E come è iniziata, finisce.>>

È stata una lettura estremamente piacevole e ricca di colpi di scena.
Non mancano, inoltre, i messaggi importanti all’interno del romanzo che l’autrice desidera far arrivare ai lettori.

Consiglio vivamente la lettura di “oltre” perché è una storia che fa riflettere e insegna a combattere per quello in cui si crede, senza arrendersi mai.
Ci insegna ad abbattere ogni limite imposto, a rischiare e a non piegarsi di fronte a ciò che non riteniamo giusto, anche a costo di andare contro tutto e tutti.

È un classico esempio dove è chiaro che l’unione fa la forza, ed è solo collaborando con altre persone che si può cambiare il mondo e vivere meglio.

La mia valutazione:

Piccole informazioni sul libro e sull’autrice:

AUTRICE: Giorgia Cozza
GENERE: Young Adult
EDITORE: La Corte Editore, 7 giugno 2018
COLLANA: Labyrinth
PAGINE: 411 p., Brossura
EAN: 9788885516373

Giorgia Cozza, giornalista comasca e madre di tre figli, collabora a varie riviste specializzate occupandosi di gravidanza, allattamento al seno, psicologia e salute della mamma e del bambino.


6 Replies to “Recensione: “Oltre” di Giorgia Cozza”

      1. Anche per me il confronto con gli altri è un piacere, anzi lo ritengo il lato più bello dell’essere un blogger. E infatti quando pubblico un nuovo post non me ne frega nulla delle visualizzazioni e dei likes, ma spero sempre di ricevere una carrettata di commenti: poche cose al mondo mi stimolano più di una conversazione nel mio salotto virtuale. Se li leggerò sarai la prima a saperlo. Buona giornata! 🙂

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.